Articles Blog

Alpine Renault A110 Berlinette 1600 SC – Davide Cironi Drive Experience (SUBS)

Alpine Renault A110 Berlinette 1600 SC – Davide Cironi Drive Experience (SUBS)


Ok, now THIS is something new! Still relevant after 30 years because the Alpine legend is being reborn with the same looks of this French marvel. Obviously I’m so lucky to drive a racecar, not a stock Alpine but a Group 3 car. Being in here is like a golden prison. I’m 6.2 feet tall and I’m hitting everything… little and engaging. The driving experience is literally dominated by two factors, the first I met on the first meters which are the gearbox and the steering. The short beautiful engagements, the way they used to be, but still precise and always reliable. You have to be delicate because I don’t even want to think about breaking this car’s gearbox. It’s so visceral that it nearly frightens, even if it’s tiny… My right calf touches the tunnel which is boiling, while the left foot sole can’t be placed anywhere, you have to keep it on the clutch pedal because there’s no support. So the foot is always under strain, you can’t rest. And the steering column… mamma mia!… when it turns it hits the left feet and you can feel …this movement. She’s … alive, she’s really alive. She has an impressive personality. And the suspensions on this Group 3 car, carburetors-converted to fall indeed under the Group 3, have a toe-in negative camber at the rear; it forces you to dive into the corner with an old-time speed on one hand, but absolutely fantastic. It’s not a car that makes you feel confortable right away, but guys… when you start to interpret the brakes, the gearbox, the steering, the front end, and her way to get in and out of both tight and large turns, it became a real pleasure that only this type of cars can give. The Momo prototype wheel… I could hold it forever in my hands. It’s an heavenly vision, with the dashboard behind, the aluminum pierced spokes and the leather rim, ruined by years of racing. This is a car which raced for real, it’s not a collectors’ toy, in fact it still has stopwatches, fire extinguisher, roll-bar: it’s a … phenomenal experience. The little 138 bhp 1.6 engine has an unexpected torque at low RPM, very exploitable on the way out, even with half-pushed throttle. I don’t know if I can make you understand how nice it is to drive a car like this in a video. It has a bouncing rear end, not so helped by the narrow tires that gives more precise info though, compared to the ones that could be given by larger tires. Guys, I could use this car’s gearbox for a week and every time I would change gear it would seem like the first time. It’s been five minutes since I started driving it but… mamma mia… You still have to be careful, the engagements are not so easy to find, but when you get where they are… …you feel like God. And then the gasoline smell in the cockpit is already making me feel dizzy and I wouldn’t want another smell inside here, except this. Mamma mia, guys… MAMMA MIA, GUYS How cool is this car Sorry for the language, but this car is SO COOL. Let’s see the technical front of the Alpine in the late 70s: The mechanics of the Alpine A110 is very simple but likewise noble, a pushrod 1.6, aluminum engine, an obsessive pursuit of lightness, but not the rough one that you often find on the racecars, there are no exposed holes, but calibrated thicknesses and lights materials even where you wouldn’t expect. For example the fiberglass air intake, the aluminum glass frames or the total absence of soundproof material under the carpets. You drive on a single-cradel frame, shamefully simple but very effective. Adjustable wishbones suspensions with torsion bar, camber caster, alignments… everything that crosses your mind… Four stock disks, enough for it… and don’t forget this is a racecar, 1975, it was born with an arguable indirect injection system and then converted to carburetors to avoid the Group 4 and fight another type of monsters. With the new double-barrel 45 Weber carbs, the driver and his Alpine raced for ten years with the red livery because the Italians race in red, not in blue. The pilot’s friend said: “Carletto doesn’t win because he doesn’t want to break the car” and it was true… in fact it’s basically the only one who got the car, besides the hide, back home. It seems it was built to deal with an infinite series of turns, and probably this is the truth. It seems…it was built…to deal with an infinite series of turns which is what it had to do next, which is what I’m doing right now. It’s her job and she does it like a girl after 40 years. I’m loving her more each meter, really… even if she’s trying to cook my right calf. When you get to a series of turns and you can set them up, it also feel safe, it makes you drunk maybe because of this gas smell or maybe I’m already going nuts but it intoxicates you, it mesmerizes. And the turns unfold one after the other with this wheel that I can’t help but looking, sometimes my eyes go to it, but I should look at the road. You probably see me a bit sacrificed, the driving position is not really …suitable for a tall guy like me but you feel at home somehow. I’m separated from the engine by a thin layer of carpet… I fell like a tip-tap dancer because I can never place my feet down, I always have them in the air and I also lack of support: when you’re on a turn, you can usually stick your left foot on the stand and you can find a bit more support to not glue to the wheel. On this one, even on the Stratos and similar cars, you can’t… Clearly the sizes are minimal, you can’t even place a bag in here. Even if the tires are stock, the car is very direct into the corners; with the exasperated camber on the rear, it oversteers only if you work hard and this is good if you have to set some lap times. Bellissimo, bellissimo, bellissimo! As soon as I stepped in, the pedals seemed useless to me, above all with my big feet, but… listen… Perfect, without even breaking a sweat. It’s literally a weapon of war. I love it… If I can make another heel-and-toe like this, I fall in love and the story ends, and then… WOW… I’ll need a Stratos. You come out of the turn, change gear and the little gearbox with short engagements reply like your car, the one you know as your shoes, except that I do not know, it just got in it and here, as often occur if you do this job, I had to reset myself and my senses because every car must be judged and driven like the first one: the worst mistake would be judging it out of its context, so it clearly isn’t a bolt from 0 to 60 but I assure you that under the fun and engagement point behind the wheel, the 70s rally cars have got very very few rivals. Written and directed by Davide Cironi Filmed by Francesco Colantoni You suffer a bit with the closed windows… Tenderly dedicated to Carletto Thanks to Enrico De Dominicis for the Alpine Translated by Elia Pozzani Go have a look on our website www.driveexperience.it for many more interesting cars

100 thoughts on “Alpine Renault A110 Berlinette 1600 SC – Davide Cironi Drive Experience (SUBS)”

  1. Davide fai un lavoro di alto calibro, non ho mai visto nessuno su YouTube fare recensioni è test di auto per veri appassionati come fai tu, con il tuo entusiasmo riesci ad influenzare chiunque nell'acquisto di un auto, me compreso, che ho comprato una punto Abarth l'anno scorso, hai portato alla luce una miriade di auto fantastiche diffondendo di nuovo la cultura dell' essenzialità della guida, ma soprattutto del carattere dell'auto che si sta sempre più perdendo. Meriteresti molto di più.

  2. Bellissima l'Alpine! Riprese sempre migliori, bravo Davide! Devo dire che mi prende molto di più col suo bleau…ma son dettagli. Una cosa però vorrei puntualizzarla, anche se campata in aria totalmente. Ad un certo punto ti sei lasciato scappare la parola Stratos. Ecco io spero che prima di vedere la Stratos ci riusciamo a vedere la Fulvia Coupè 1600 HF e lo scontro con l'Alpine, questi sarebbero i due pugili perfetti per un combattimento. La Stratos la metterei ad incrociare i guantoni col 131, che è pieno di gente che la sfiducia povera Lancia. Io lo vedrei meglio così l'incontro, ma sono sicuro che sarà un capolavoro lo stesso, come questo!

  3. Also, little thing concerning that Alpine… If the car was originally fuel injected, it was a 1600 Si, not an SC… The engine came from a Renault 17, while the SC took its engine from the Renault 16… Both engines were modified quite a bit to make around 130hp once fitted in the Alpine.

  4. Da ricordare che non arriva nemmeno a 700 kg di peso, è una specie di Lotus Elise con motore posteriore invece che centrale. Bellissima e con un'accelerazione bruciante per l'epoca!!

  5. Thank you Davide the alpine 310 always seemed very futuristic to me. Renault had cool cars then , the Renault 5 gordoni, 5 alpine and turbo. And the 21 turbo. An interesting period. Best wishes Mark

  6. So che non avrebbe senso ma sarebbe comunque interessante se successivamente facessi un "confronto" tra questa Alpine e quella che hanno recentemente presentato. Un altro video che non mi dispiacerebbe sarebbe una comparazione tra l'Alpine A110 presentata a Ginevra e l'AR 4C

  7. C'é una officina vicino casa che tratta molte auto sportive e d'epoca, ma principalmente Porsche di altri tempi. Ogni volta che ci passo davanti rallento per assistere allo spettacolo di vecchi cofani aperti di gloriose e potenti autovetture di una volta. L'ultima volta, solo nel capannone c'erano 4 Porsche, presumo degli anni '80 e '90…
    Ti metterei volentieri in contatto con questo tipo per aiutarti ad ampliare il repertorio delle recensioni e, chissá, potrei avere l'enorme gratificazione e ricompensa di testare con le mie mani e i miei piedi una tale gloria 🙂

  8. Bella Bella Bella!
    Una delle mie icone,per design,per carisma,per dinamica di guida.
    Originale e per certi versi unica.
    Certo,non è una vettura per claustrofibici,ma ha sempre il suo perchè.
    E' molto bella da guidare anche la sua discendente A310 V6 di fine anni '70,che ha sicuramente una linea meno aggraziata,ma pur sempre originale e con quel tocco di kitsch tipico di molta produzione dei 70's, e ha un abitacolo leggermente più a misura d'uomo(per te sarebbe ancora un pò angusto…),ma in quanto a handling e piacere di guida è sicuramente all'altezza di questa,grazie al sound del v6,a uno sterzo precisissimo e a sospensioniben calibrate.
    Ma non dimentichiamo neanche la Alpine V6 Turbo di metà anni '80,una vettura dalla linea spettacolare,che nasconde un'estremizzazione del concetto di meccanica alla Alpine(handling prima di tutto,motore posteriore a sbalzo,sterzo preciso e diretto,leggerezza complessiva),ma unito a confort da vera GT e infatti era sicuramente all'altezza del compito per il quale era stata concepita:dare del filo da torcere alle Porsche 944.

    Grazie ancora Davide.

  9. Bellissimo video! Peccato non aver citato i preparatori Audisio & Benvenuto , all'epoca hanno vinto tutto con queste A110

  10. fotografia bellissima e passo di montagna stupendo! Sarebbe bellissimo vedertelo fare di traverso con qualcosa ad hoc!!

  11. Anch'io faccio un metro ottantanove. Ho adattato la sedia e il volante per la mia misura. e va benissimo ! Solo che come lo dici tu, devi rimanere con il piede di sinistra tirato… ma e fantastico !!!!

  12. Questa macchina è bellissima…!!!
    Non ci sono altre parole…!!!
    È viva…!!!
    Un elogio a te caro Davide…aspetto con profondo interesse ogni tuo video…come tutti noi suppongo…!!!non CAMBIARE MAI…!!!GRAZIE

  13. Io non sono tuo coetaneo (purtroppo) sei decisamente piu' giovane, e quello che mi fa piacere..è che tu, spesso e volentieri, godi molto di piu' a guidare auto che per me, da ragazzino, erano un sogno, un'icona, pezzi della mia picola collezione di modellini 1/43 e che erano quasi una normalità da vedere in giro (parlo specialmente delle Alfa), mentre sempre piu' spesso, durante le prove di certe vetture attuali.. vedo la tua espressione cambiare da cristallina ad opaca… ci hanno tolto il piacere di guidare, di sentire odori e rumori.. peccato! grazie per i tuoi video!

  14. spettacolare, ai suoi tempi era veloce anche sul dritto. nel '72 era l'unica con dei buoni tempi sui 400m e sul chilometro e con un prezzo accessibile. per stargli davanti ci voleva la 911S.

  15. Davide… diciamo che hai scelto una delle strade più belle dell'Umbria… La prossima volta che passi da ste parti fai un fischio, ci facciamo un bicchiere insieme in onore del nostro caro Abruzzo! Tra l'altro l'ok per la chiusura strada per le riprese te l'ho praticamente dato io!

  16. MA – PERCHÉ – PARLI – COSÌ – SPAZIATO – MENTRE – FAI – LA – PROVA – SU – STRADA – ? – ? – ? ahaha bravo dà!!! Un saluto da Madrid!

  17. 🙆👏👏👏👏 Io ci sono salita Auto D.Epoca Padova … Sport Alpin … in blu . Io sono alta 1.53 m ideale x me . Complimenti x il video !!! WOWWW . Speriamo di rivederla il 28.10.2017 a Padova 😉😉😉😉 Ciaooo

  18. Bravo Davide si vede che hai passione davvero. L'odore della benzina diciamo non e di benzina e basta ma, benzina carburata da quei vecchi DCOE

  19. un'auto leggendaria,leggerissima e nervosa:ho ancora il numero di Quattroruote con la prova su strada di una 1600S..rossa,guarda caso.davvero bello vedere che ci sono giovani appassionati di auto e che sanno apprezzare anche quelle di tanto tempo fa.una curiosita',Davide Cironi:sono sicuro di aver fatto,in moto,la strada del video ma non riesco a ricordare quale sia……

  20. Bravo Davide and crew. Your beast video to date. Wonderful production, sweet camera and audio and your passion and knowledge. 👌👌👌. English subtitles and good translation are appreciated. Cheers, Marco.

  21. Davide aspetto con ansia una prova della grande punto abarth. Se invece vuoi provare una grande punto sport scrivimi che ti faccio provare la mia volentieri!!!

  22. Ciao Davide Cironi, la mia vuole essere una critica costruttiva. Secondo me nei tuoi video parli troppo di automobili, fatti una domanda se sei su youtube dal 2013 e hai meno iscritti di Greta Menchi ( ne ha solo un milione in più, senza offesa). Comunque il mio consiglio è quello di diventare più commerciale, magari mentre guidi una macchina mettiti a giocare a Clash Royale e attiri più views. Peccato xkè hai talento, anche se sprecato. Concludo dicendo che sei il mio idolo su youtube italia e seguo sempre tutti i tuoi video. Salutami se riesci e saluta anche un tuo fan sfegatato che guarda i tuoi video anche diciassei volte al giorno, si chiama Gianmarco Daffrè, fa video su youtube anche lui ed è un appassionato di Audi e macchine elaborate con tuning.
    Sei un grande.

  23. Davide Cironi guardando i tuoi video, ho ritrovato una della passioni a mio parere più pure: il rapporto tra uomo e macchina, che oggi sta svanendo a causa dei cambi sempre più robotizzati e sempre meno soddisfacenti, perché quando si guidava negli anni '70,'80,'90 ed anche nei primi anni del 2000, l'auto si fondeva col guidatore, e a fine giornata volevi guidare ancora a costo di spezzarti la schiena, questo è il vero automobilismo, non quello moderno, con elettronica inutile!
    Tra l'altro sono molto affezionato a quest'auto dato che mio nonno aveva una coupé 20V grigia, che ha poi venduto a malincuore
    Mio nonno precedente aveva anche un'Alfa Romeo 33 Quadrifoglio Oro …la mia passione è legata anche a queste cose qui.
    Sinceri saluti 🙂
    P.s.
    Potresti fare quando puoi, un raduno/evento in Campania?Mi piacerebbe tanto essere presente😀

  24. Uno dei reportage su un auto tra i più belli e coinvolgenti in assoluto… Merito di questa leggenda e merito tuo Davide.. Complimenti sei un numero uno 👍👍👍

  25. Molto bello il tuo video Davide. In pochi minuti hai descritto benissimo il fascino di questa indimenticabile auto da corsa e le emozioni che si provano nel guidarla.

  26. David, vu de l’extérieur, je crois que tu as
    essayé la voiture qui procure certainement le plus de plaisir de pilotage qui
    n'est jamais été construite. Patrick DEPAILLER disait que c’était un kart avec
    une carrosserie ! D’ailleurs, tu as oublié de préciser que la carrosserie était
    en polyester, d'où une très grande légèreté, mais aussi une très bonne
    absorption des chocs en cas de sortie de route, JC ANDRUET l'a prouvé à maintes
    reprises, et son créateur l’explique très bien dans un film sur U-tube intitulé
    « interview de Jean Rédélé le père d’Alpine ». Il faut aussi raconté
    que la Berlinette Alpine a un toît qui a été moulé sur celui d’une Alfa !
    Et cela dans la cour de l’usine lors de la visite d’un représentant ! Cette
    histoire est tellement incroyable et marrante à la fois, que ça mérite d’être
    rappelé ! D’ailleurs quand on lit les anecdotes de la famille Alpine, on
    regrette sincèrement de ne pas connaitre cette joie de travailler au sein d’une
    équipe pareille. Malheureusement, je crois que ce serait très dur à reproduire
    de nos jours. Quand aux pilotes de l’époque, il m’inspire beaucoup de respect, car
    une auto comme la Berlinette développait 200 cv pour 630 Kg en version légère,
    voire 230 cv avec le turbo en Corse pour le vainqueur JL THERIER. Et comme le
    disait lui-même JC ANDRUET, vainqueur du rallye MONTE CARLO, quand il dévalait
    des descentes verglacées à fond de cinquième, à 180 km/h (ou plus ?), sur des
    routes de 4m de large, entre ravin et montagne, il lui arrivait de se faire de belles
    frayeurs, parce qu'il ne savait pas si la voiture allait se freiner
    suffisamment pour tourner ! Dans ce domaine, les voitures de l’époque
    étaient loin de ce qui s’est fait même quelques temps après, et de plus, il n’y
    avait pas toute cette assistance électronique au pilotage, dans la direction,
    les suspensions, l’antipatinage, etc… Je pense qu’ils étaient meilleurs que
    tous ceux d’après car c’était plus difficile dans tous les domaines :
    pilotage, durée du rallye, concurrence ! Cio e gracie mile !

  27. vettura che ha avuto una carriera sportiva rallystica di altissimo livello ma, cosa volete, preferisco la meno performante ma più bella fulvia. bel video. bravo davide. purtroppo posso mettere solo un like, altrimenti…..

  28. Ciao Davide, sarebbe per me un emozione vederti guidare la mia macchina preferita, (per il suo design) la Citroen C2 Vts.

  29. D' estetica l' Alpine A110 è semplicemente stupenda!!!! Ha una linea bellissima, sembrano dolci curve di una bellissima donna!!!!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *